Recensione – Un nuovo capitolo della fiaba di biancaneve nuovamente dal punto di vista del cacciatore. Biancaneve non c’è, come non esiste un senso coerente e originale a una vicenda priva di qualsiasi interesse. Brilla solo la bellezza delle protagoniste in un mare di opportunità non sfruttate a dovere.

il cacciatore e la regina di ghiaccio_3

Ravenna, la perfida matrigna di Biancaneve, usa a uccidere mariti per usurparne i regni, ha un passato di ignobili assassinii anche tra i suoi legami di sangue. Quando lo specchio magico le rivela, infatti, che la figlia di sua sorella Freya è destinata a spodestarla in bellezza, Ravenna non esita a porre fine alla sua neonata vita. Tale è il dolore di Freya, che risveglia nella donna l’arte sopita della magia nera e la trasforma in una regina di ghiaccio, determinata a bandire l’amore dal suo regno. È a questo fine, per addestrarli come guerrieri e vietar loro l’amore, che Freya fa rapire i ragazzini dei suoi territori e li cresce come cacciatori; e questa è anche la sorte di Eric e Sara, che, una volta cresciuti, però, all’amore non sanno e non vogliono rinunciare.

C’era una volta e ora purtroppo non c’è più, o meglio c’è in modo diverso e un po’ più azzardato. Questo infatti, è un film in cui l’azzardo è rappresentato da una storia di fantasia che coinvolge, senza soluzione di continuità, un bel pastrocchio di idee. Idee molte volte con l’aggravante di non essere nemmeno originali.

il cacciatore e la regina di ghiaccio_top2

“Il cacciatore e la regina di ghiaccio” porta sul grande schermo non solo la sua essenza (poca) ma cita furbescamente o involontariamente altri film che attingono alle fiabe. Ci sono citazioni e citazioni e la regina di ghiaccio sembra troppo, per la dinamica degli eventi, una novella Elsa di “Frozen”. Ricorda anche la strega bianca di Narnia e non si sottrae al prendere a prestito trucchi e (presunti) colpi di scena già visti e rivisti.

La storia si adagia su un canovaccio classico con la consueta storia d’amore contrastata e i prevedibili incantesimi quando ci sono di mezzo streghe e regine con poteri. Durante la visione si ha sempre l’impressione che si sia puntato sul divismo e la popolarità di alcuni personaggi, o meglio attori, piuttosto che puntare anche su dialoghi, situazioni e ribaltamenti di fronte credibili e funzionali.

Faticano quindi Jessica Chastain (“L’ultimo sguardo, “E poi saimo arrivati alla fine”) Charlize Theron, Emily Blunt a risollevare con la loro bravura recitativa  uno script che le vede protagoniste in un gioco di regine a tre mal congegnato e solo confusamente spiegato. Il bel “Thor” cacciatore Chris Hemsworth (“Andate e moltiplicatevi”, “Emerald Sword: cronache di terre incantate”, “Silmarillion: il risveglio degli elfi”si trasforma nel classico principe per una favola alla quale stava stretto il personaggio del cacciatore tout court, mentre nel frattempo si pesca in “Ender games” e qualcosa da “Il signore degli anelli” per una sorta di esercito dei bambini accennato, creato, conosciuto ma non utilizzato e buttato lì per la lacrima facile e l’aggancio, non voluto e fuori luogo, alla realtà.

il cacciatore e la regina di ghiaccio_4

Sintetizzando un po’ il film poteva avere degli ottimi spunti e potenzialità, purtroppo crolla sotto un’insignificante sceneggiatura con un bel pastrocchio di scene e caratteri di nuovi e vecchi personaggi che rendono questo film dimenticabile. “Specchio specchio delle mie brame, questo è sicuramente uno dei film più brutti del reame”

Voto: 4,8

Le news

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.