Lupin III – The First

Recensione in anteprima – Tutti conosciamo il leggendario ladro Lupin III, ma nessuno lo hai mai visto in questo modo!! “Lupin III The First” è infatti il primo film della serie realizzato in computer grafica. Da veri fan di Lupin non potete quindi perderlo al cinema!

Cosa fare per celebrare degnamente il 40° anniversario di uno dei più famosi film della serie?

Nel 1979 usciva in Giappone il secondo lungometraggio dedicato alle avventure del ladro gentiluomo, “Lupin III – Il Castello di Cagliostro”, destinato a rimanere nella storia essendo il primo film da regista del celebre Hayao Miyazaki.

A quarant’anni di distanza serviva qualcosa di speciale per festeggiare il ritorno di Lupin al cinema. Per l’occasione si è pensato di proporre per la prima volta un film della serie in computer grafica 3D (3DCG).

Purtroppo il maestro Monkey Punch, creatore delle storie a fumetti di Lupin e la sua banda, ci ha lasciati poco prima che la pellicola fosse ultimata. Un progetto ardentemente desiderato dallo stesso autore, al quale poi è stato giustamente dedicato il film.

The First

A cosa si riferisce il “The First” del titolo?

Visto le numerose ricorrenze che questo film celebra, si è optato per un titolo quantomai emblematico per un’opera nata nel 1967.

“The First” richiama infatti diversi elementi: in primo luogo, si tratta del primo lungometraggio realizzato in CG; inoltre è il primo film senza il grande maestro Monkey Punch. Infine, in questa nuova avventura il nostro Lupin III cercherà di mettere le mani sul diario di Bresson, l’unico tesoro che il celebre nonno Arsenio Lupin (I) non è mai riuscito a rubare.

Per riuscire nell’impresa, Lupin avrà bisogno di tutta la sua squadra al completo. A Jigen, Goemon e Fujiko, si unirà la giovane e abile archeologa Laetitia. Insieme dovranno collaborare per risolvere il mistero ed impedire che il diario finisca nelle mani di un’organizzazione segreta neonazista guidata da Lambert e Geralt. Ovviamente non può mancare sullo sfondo l’instancabile Ispettore Zenigata, pronto ad intralciare i piani di Lupin. Cosa nasconde di così prezioso il diario di Bresson?

Le action figure di Lupin prendono vita!

Tutti i precedenti lungometraggi dedicati a Lupin III hanno sempre puntato tutto sulla narrazione, su nuovi incredibili e fantasiosi piani per rubare famosi tesori.

Questa volta l’enfasi è stata posta sulla realizzazione tecnica. Come detto in precedenza, “The First” è il primo film della serie con animazioni in 3DCG. Non certo una tecnica innovativa nel campo dei film d’animazione internazionali. Lo è di certo invece per una pellicola ispirata ad un anime giapponese.

La parte più complicata è stata la realizzazione dei modelli 3D dei personaggi principali in modo che rispettassero in pieno il character design originale. I tratti distintivi dei protagonisti sono stati mantenuti così come le loro tipiche espressioni. Il risultato ottenuto è molto simile a quello che si può vedere nelle dettagliatissime action figure giapponesi.

Nonostante l’impatto iniziale piuttosto spiazzante, pian piano ci si fa l’abitudine e dopo poco si apprezza il buon lavoro svolto sui modelli. Sicuramente Lupin III è una delle serie animate che meglio si prestano per questo tipo di animazione. Un esperimento interessante che rinnova la saga senza snaturarla.

Caccia al tesoro in giro per il mondo

Dal punto di vista narrativo, invece, “Lupin III The First” è il solito vecchio Lupin. Un’avventura al quale il famoso ladro ci ha spesso abituati, fatta di inganni, fughe mirabolanti, antichi misteri da risolvere, invenzioni fantascientifiche e organizzazioni segrete di stampo nazista. Non manca proprio nulla per tutti gli appassionati della serie.

L’azione si sviluppa in tutto il mondo, in stile 007. Lupin per cercare di recuperare il diario di Bresson sarà costretto ad una caccia al tesoro tra Parigi, Messico e Brasile.

Musiche e doppiatori originali

La colonna sonora è stata realizzata dallo storico compositore della serie animata Yūji Ōno. Potrete quindi riconoscere i temi più famosi dedicati a Lupin e ascoltare un brano inedito per la pellicola.

L’edizione Italiana del film ha poi confermato il cast dei doppiatori originali della serie, così come è avvenuto per l’edizione giapponese.
Lupin III The First è un classico film di Lupin, ma con una realizzazione tecnica tutta nuova. Un ottimo esempio di come rinnovare una serie senza snaturarla.
Lupin III è appena entrato in una nuova era.
Voto: 7

Commenti