Recensione in anteprima – Venezia 72 (2015) – In concorso – Il genio creativo di Kaufman è alla regia di questo film d’animazione in stop-motion. Un’animazione fatti di adulti per adulti con una dosata sceneggiatura e un’incredibile intensità riflessiva.

Anomalisa

Michael Stone è marito e padre nonché noto autore del best seller “Come posso aiutarti ad aiutarli?” e si trova a Cincinnati per una conferenza. Michael prende alloggio all’hotel Fregoli e, dopo aver rivisto una donna con cui undici anni prima aveva avuto una relazione, incontra casualmente Lisa Hesselman la quale è arrivata in città con un’amica proprio per assistere alla sua conferenza. Tra i due si instaura un’immediata attrazione che potrebbe cambiare la vita di entrambi.

Charlie Kaufman è l’autore della sceneggiatura tra gli altri di film come “Essere John Malkovich”, “Confessioni di una mente pericolosa” e “Eternal Sunshine of the spotless mind” orribilmente tradotto in italiano con il titolo di “Se mi lasci ti cancello”. Film molto profondi e che scandagliano l’animo umano alla ricerca di pensieri, sentimenti, paure, speranze dei protagonisti. Anomalisa è la sua prima direzione di un film d’animazione e nulla è lasciato al caso sia sotto il profilo registico sia dal punto di vista della sceneggiatura, dei dettagli, dell’ambientazione e della tecnica usata. Il tutto viene girato in stop-motion così reale da venire artificialmente alterata da dei segni sui volti dei personaggi sfruttati per creare diverse espressioni facciali.

Anomalisa prima di questo film è una sceneggiatura scritta da Kaufman nel 2005 sotto lo pseudonimo di Francis Fregoli. Fregoli che è il nome dell’hotel nel quale il protagonista Michael Stone alloggia. Non è un caso, Fregoli è anche il nome di una sindrome a causa della quale la persona che ne è affetta si sente perseguitata dalla stessa persona riconoscendola anche in persone che in realtà non conosce. Questo particolare, di non facile intuizione getta un’ulteriore interpretazione a quella che la trama lineare sembra avallare.

Anomalisa_2

Infatti, durante tutta la vicenda che dura giusto il tempo di una giornata scarsa e una nottata il protagonista Michael sente la stessa voce in tutte le persone che incontra, è la voce dell’attore Tom Noonan anche per le persone di sesso femminile. Michael però viene svegliato dal suo pensiero monotono e depresso dall’unica voce fuori dal coro, la voce di Lisa (Jennifer Jason Leight), una voce per lui Anomala e subito se ne innamora. Attraverso una classica e lineare sceneggiatura l’azione si svolge presentandoci il protagonista e i suoi pensieri all’arrivo in albergo, la vicenda poi dell’innamoramento, del corteggiamento e della notte passata insieme con dovizia di particolari per poi giungere a una fase finale di sostanziale atterraggio dalle vette raggiunte nell’animo, nel cuore e nelle speranze di Michael.

Se da un lato un cartone animato per adulti al cinema non è una novità, sicuramente in Italia (ma crediamo anche all’estero) o verrà fatto un leggero taglio delle scene di sesso esplicito in bella mostra oppure il film verrà proiettato con diverse restrizioni e sarebbe un peccato. A parte qualche debolezza nel finale riconosciuta da diversi critici il film presenta un equilibrio fantastico e coinvolge emotivamente lo spettatore.

venice_anomalisacropped

Il film ha vinto nel 2015 alla 72esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia il Gran Premio della Giuria, a mio avviso meritatamente.

Voto: 7,9

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.