Recensione in anteprima – Oliver Stone ripercorre la storia di Edward Snowden, colui che ha rivelato al mondo lo spionaggio del governo USA e britannico nei confronti dei propri cittadini. Un film biografico come solo Stone sa fare ma che non convince appieno. In sala dal 24 novembre.

snowden-1

Nel 2013, barricato in una stanza d’hotel ad Hong Kong, il ventinovenne Edward Snowden, ex tecnico della CIA e consulente informatico della NSA, ha rivelato, dati sensibili alla mano, al quotidiano inglese The Guardian e alla documentarista Laura Poitras, l’esistenza di diversi programmi di sorveglianza di massa, programmi di intelligence secretati, che garantiscono al governo statunitense un livello di sorveglianza estremamente invasiva e contraria ad ogni diritto alla privacy sul proprio territorio e sul resto del mondo, fatta passare con l’alibi della sicurezza.

Oliver Stone non è nuovo a film biografici. Il suo JFK del 1991, Alexander del 2004 sono due esempi tipici tratti dalla sua vasta filmografia. “Snowden” segue a distanza di due anni il documentario premio Oscar 2015 “Citizenfour” diretto da Laura Poitras. Con un taglio più romanzato e più concentrato sull’uomo Snowden, Stone mette in risalto il patriottismo tipico americano che si scontra con la libertà del singolo cittadino.

_MG_0972.CR2

“Snowden” è un racconto a tappe, ricostruisce passo passo con flashback l’intervista avvenuta a Hong Kong e che poi ha generato lo scandalo. E’ un voler accompagnare lo spettatore a capire come, quello che viene dipinto come un bravo ragazzo e tipicamente nerd, possa essere riuscito a trovare il coraggio di denunciare il suo stesso lavoro, il suo stesso paese.

Braccato, inseguito e controllato più di quanto lui stesso riesca a controllare l’Edward Snowden interpretato da uno strepitoso Joseph Gordon-Lewitt è anche un giovanissimo talento dell’informatica del nuovo millennio che vive la sua vita sociale con non poche difficoltà di inserimento nei meccanismi affettivi del suo tempo. Lo sprone, una bellissima e affascinante Shailene Woodley che interpreta Lindsay, la fidanzata storica e colei che, nella realtà lo seguirà anche nel suo esilio.

snowden_2

La parte affettiva, molto presente e ben strutturata soffoca un po’ la parte da film d’azione e spionaggio che dovrebbe risaltare e che fa un po’ fatica a far tenere al film un ritmo costante. L’amalgama tra queste due anime del film non è riuscita benissimo e sembrano evidenti le incursioni nella sceneggiatura di ben due diversi libri sulla vicenda.

L’Oliver Stone, regista che abbiamo apprezzato è interamente riversato nel personaggio Edward Snowden interpretato da Gordon-Lewitt, più atipico invece il nerd innamorato. Tensione a tratti e “pilota automatico” in altre parti del film, “Snowden” per come ci è presentato, risulta essere un buon film che intrattiene e rende noto in maniera chiara la potenza invasiva delle intercettazioni architettate dagli USA con la finta scusa della sicurezza.

snowden-preview

Uno scenario, quello delle intercettazioni, che viene anche supportato da veri filmati, vere conferenze stampa di Barak Obama e veri titoli di giornali di quegli anni. Lo scontro tra la realtà raccontata e la realtà vera rivelata da Snowden non lascia indifferente lo spettatore, anche il più informato. La rabbia che a tratti monta, la rabbia che si tramuta presto in impotenza di fronte a un sistema che, purtroppo può essere replicato anche più subdolamente e, infine, la consapevolezza che qualsiasi sistema inventato dagli essere umani, ha bisogno dell’intelligenza e la moralità umana per non essere usato in maniera inopportuna.

Voto: 6,4

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.