Recensione in anteprima – Massimo Cappelli presenta il suo nuovo lungometraggio. Una commedia dei soliti equivoci, delle consuete contrapposizioni italiche e generali. Divertimento nella norma ma con una sceneggiatura stanca e che si affida troppo agli attori.

prima-di-lunedi-hd

Una Volvo e una 500 si scontrano in piena Torino. Contrariamente alle aspettative, alla guida della Volvo c’è un aspirante attore squattrinato, Marco, insieme al suo migliore amico Andrea, mentre a bordo della 500 c’è un miliardario malavitoso, Carlito Brigante (il nome del protagonista del Carlito’s Way di Brian De Palma). Carlito fa a Marco una proposta che non potrà rifiutare: invece di pagare i danni causati dalla Volvo alla 500, Marco dovrà portare un gigantesco uovo pasquale (con sorpresa) da Torino a Torre del Greco, facendosi accompagnare dall’amico e dalla sorella di Andrea, Penelope, ex fidanzata di Marco in procinto di sposarsi con un altro. Si unirà a loro Chanel, l’ottantenne francese che il trentenne Andrea ha conosciuto su Internet e di cui si è invaghito credendola un’avvenente coetanea.

Il film di Massimo Cappelli è l’esempio classico di quel genere di film italiano che ha smarrito l’idea di “commedia” e tenta, in tutti i modi, di recuperarla. Si cercano nuove strade ma non le si seguono con energia e convinzione affidandosi poi al visto e rivisto o, al limite al prodotto che, in teoria, dovrebbe funzionare.

prima-di-lunedi-750x400

“Prima di lunedì” ha una confezione vagamente intrigante e interessante almeno nelle intenzioni ma uno sviluppo talmente prevedibile, ridondante, confusionario e ancorato alle macchiette teatrali che vanifica e dilapida tutto il patrimonio del soggetto iniziale.

Due sono i pregi e, allo stesso tempo i difetti principali del film. Vincenzo Salemme e Sandra Milo. Esatto, i due artisti, bravi nelle loro parti calamitano l’attenzione del pubblico ma costituiscono personaggi teatrali fini a sé stessi e fortemente caratterizzati da uno stereotipo oltremodo classico. Salemme, con impegno ritaglia un personaggio nelle sue corde mentre la Milo ha gran coraggio nel mettersi in gioco in una parte strana e solo fintamente sbadata.

prima_di_lunedi_02

Poi il regista si affida, ancora una volta a volti a lui cari, ad attori già utilizzati nei precedenti suoi film. Il caso più emblematico è il talentuoso Fabio Troiano, qui giovane adulto spiantato e con una situazione affettiva estremamente complicata.

La bella di turno, Martina Stella, l’imbranato di turno Andrea Di Maria, e il bello di turno Sergio Muniz completano il quadro di un film che strappa qualche risata soprattutto durante i titoli di coda con gli errori del film. Per il resto, durante tutto il trascorrere dei lungi 90 minuti il film annoia in diversi punti.

Voto: 5,2

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.