Recensione in anteprima – Terzo capitolo dei film dedicati alla Bridget internazionale. Si torna  con dietro la macchina da presa la regista Sharon Maguire, quella del primo episodio. Risate molte, originalità poca, ma è giusto così. In sala dal 22 settembre.

bridget

Bridget è più magra, più professionale, più sicura di sé e soprattutto più vecchia, quando spegne in pigiama, sola in casa, la candelina del suo quarantatreesimo compleanno. L’amica Miranda la trascina allora in un weekend di musica, alcool e programmatico sesso occasionale, dove Bridget s’imbatte, in maniera a suo modo romantica, nell’aitante Jack. Il weekend dopo, invece, è la volta di Mark Darcy, mai dimenticato, e ora incrociato sulla via di un altro divorzio, pronto al ritorno di fiamma. È così che Bridget Jones si ritrova felicemente incinta, senza certezze rispetto a chi possa essere il padre: Jack o Mark? Ognuno a proprio modo, i due uomini accompagnano la pasticciona verso il termine della gravidanza e il misterioso responso.

Si cambia tutto per non cambiare niente, questo avranno sicuramente pensato i produttori per riportare, dopo tredici anni dal successo una nuova avventura di Bridget Jones al cinema. Nel frattempo c’è stato quel secondo capitolo “Che pasticcio Bridget Jones” un po’ controverso e stanco.

bridget_3

Si cambia tutto per non cambiare nulla risulta quindi la formula vincente in un film dove molto è cambiato ad iniziare da un membro del terzetto. Non c’è più Hugh Grant, al suo posto Patrick Dempsey. Un rinnovamento non proprio voluto ma azzeccato e ottimamente gestito. Non abbiamo più la Bridget impacciata e remissiva, impaurita e timida, la nostra eroina è ormai in carriera, una donna affermata ma la prima scena ci racconta tutt’altro e allora parte il deja vu, il già scritto, il già raccontato…. non è cambiato in realtà nulla: Bridget è la nostra pasticciona preferita. La regista lo sa, ci gioca e il pasticcio, quello divertente, è un continuo equilibrio di battute e sotterfugi, di situazioni a tre che creano imbarazzo e allegre leggerezze.

Sharon Maguire riprende in mano quella che è stata anche la sua creatura e fa esattamente quello che il pubblico, soprattutto le donne, si aspetta di vedere. Nella maniera più ruffiana possibile, con garbo sicuramente ma con la sensazione, a fine proiezione, di essere stati presi in giro.

bridget_2

Nonostante i chili di plastica facciale (e il conseguente abbrutimento), Renée Zellweger sembra essere a suo agio nei panni di Bridget Jones, come detto perfettamente incastrato il nuovo arrivato Patrick Dempsey e integerrimo nell’essere un inglese di sua maestà più perfetto possibile Colin Firth.

Tutto secondo previsioni anche i colpi di scena orchestrati. Non meravigliano ma non danno fastidio, come detto son lì per essere scovati ancor prima di pensarli. Si aggiunge molto alla storia di Bridget e si aggiunge poco invece all’originalità dei passaggi, alle inquadrature, all’approfondimento delle situazioni. Non è il film adatto certamente, ma essere così volatile giova solo se si ha in mente di passare un paio d’ore di sana allegria.

Voto: 6,1

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.