Recensione – Sophie (Emma Stone) è una chiaroveggente, Stanley (Colin Firth) è un prestigiatore di grande fama convinto di poter smascherare la truffa di Sophie. Woody Allen scrive e dirige una commedia con il suo consueto stile virando questa volta sul romanticismo e sulla lotta interiore (poteva mancare?) tra razionalità e sentimento.

magic-in-the-moonlight-1Berlino 1928 – Il noto mago Wei Ling Soo sta presentando i suoi trucchi e le sue magie ad un pubblico sempre più sbalordito e affascinato. Sotto le vesti di questo mago dall’aspetto cinese si cela Stanley Crawford (Colin Firth), londinese e artista di indiscusso successo. Howard il suo amico e collega di poco talento fa sapere a Stanley che una certa Sophie Baker (Emma Stone) riesce a leggere il pensiero, a mettersi in contatto con l’aldilà e pubblicizza le sue doti da chiaroveggente. Howard invita Stanley a provare a smascherare questa Sophie dato che lui non ci è riuscito. I due partono per la Costa Azzurra dove la giovane chiaroveggente è ospite di una ricca famiglia grazie alle sue continue sedute spiritiche che permettono alla vedova di comunicare con il proprio marito defunto da anni.

Stanley e Sophie si conoscono, passano del tempo assieme e Stanley sembra vacillare dal suo podio di razionalità sul quale si è sempre issato smascherando i più diversi truffatori. Da lì in poi dopo vari colpi di scena più o meno riusciti si giunge al finale: i titoli di coda, giusto per non rovinare la sorpresa con questa recensione.

cdn.indiewire.comTitoli di testa, svolgimento, titoli di coda. Tutto come sempre è in perfetto stile Allen sin dall’inizio, da quelle scritte bianche centrali su sfondo nero. Titoli di testa quantomeno coerenti anche per altri registi quando si affronta una vicenda ambientata a fine anni ’20 del secolo scorso. Quando si va a recensire un film di Woody Allen, considerato da molti giustamente uno dei maestri della cinematografia mondiale, non è mai facile. Ci si trova a confrontare il film con la variegata e immensa cinematografia del regista che, non priva di successi di dubbio gusto (To Rome with Love, giusto per citare uno degli ultimi) annovera grandi successi di pubblico e critica. Facendo la tara a queste considerazioni, il film Magic in the moonlight è ben confezionato, una sorta di pasticcino che ha tutti gli ingredienti tipici di Allen.

I colori vivi della natura esaltati da una puntuale scenografia bucolica fanno da sfondo e talvolta son protagonisti di una vicenda che prende spunto dal teatro (tracce di “Spirito allegro” di Coward si notano qua e là), si sviluppa con situazioni e scene tipicamente teatrali nei colloqui tra le quattro mura e finisce nella “soluzione del caso” che pare un colpo di scena ma colpo di scena, a pensarci bene poi non è. Colin Firth è l’attore scelto per interpretare un personaggio razionale ed arrogante, molto british nel suo porsi con le persone soprattutto quando si parla di sentimenti passati presenti e futuri. E’ quasi perfetto e veicola i pensieri di Allen, la verbosità dei suoi tipici dialoghi via via sempre più introspettivi e analitici. Sempre più a fondo e sempre più pieno di domande e risposte automatiche ed autonome. Emma Stone è bella, brava, graziosa, solare e amante della vita tanto quanto è interessata all’occulto e alla vita nell’aldilà. Non vi è dubbio che questi due attori siano stati scelti per essere perfetti per i ruoli che Allen aveva in mente e plasmati proprio per far intendere la sua presenza nella vicenda anche rimanendo dietro la macchina da presa.

Magic-In-The-Moonlight-Emma-Stone-Colin-Firth-Foto-Dal-Film-03C’è da fare qualche appunto allo scorrere della vicenda stessa invece, benché gli ingredienti siano gli stessi di altri film del regista, il modo di “cuocere” il tutto e di “impiattare” è riuscito solo in parte. Ne rimane un “retrogusto” di un film carino, divertente, ben fatto, impeccabile nei dialoghi e nelle scenografie, senza fronzoli o virtusismi della macchina da presa ma con movimenti classici e tipici delle inquadrature. Ciò che manca è un certo equilibrio e interesse nella parte centrale. Sì son quasi pronto a dire che tra il primo terzo e l’ultimo terzo di film, il film si perde nella descrizione di scene alquanto noiose e forse, noiose solo perché unite insieme come una sorta di carrellata di scene ripetute e solo abbozzate.

Magic in the moonlight se da una parte non è sicuramente uno dei film più riusciti di Woody Allen, dall’altra è un film che si lascia vedere e la vicenda è sviluppata bene. L’attenzione ai particolari c’è tutta nel ricreare la Francia degli anni venti, persino l’uso di certi termine che possono apparire moderni ma che invece esistevano già a quell’epoca. Una piccola sbavatura si registra nel riflesso dei pannelli per la luce sui parafanghi dell’auto di Stanley, ma è un particolare minimo che non inficia tutta la vicenda fatta di lotta del protagonista tra raziocinio e sentimento, tra testa e cuore.

Voto: 6,5

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.