L’ultimo film da protagonista di Philip Seymour Hoffman è una spy story un po’ atipica. L’attore si esalta nel personaggio da lui interpretato e risulta essere uno dei pochi ma importanti motivi per vedere questo film.

maxresdefaultAll’indomani degli attentati terroristici dell’undici settembre, Issa Karpov, di origine russo-cecena, approda ad Amburgo per recuperare il denaro che suo padre, uno spietato criminale di guerra, ha accumulato e depositato in una banca della città. Il suo arrivo desta i sospetti dei servizi segreti tedeschi e americani, a capo di questi vi è Günther Bachmann (Seymour Hoffman) che crede Karpov un terrorista pronto a far esplodere Amburgo.  L’agente dei servizi segreti tedeschi è costretto a interfacciarsi con i colleghi americani e soprattutto con una collega con cui nasce un’intesa professionale. Braccato dai servizi segreti e convinto a far luce sul patrimonio di suo padre Karpov chiede aiuto all’avvocato Annabel Richter (McAdams) che si erge a difesa del suo assistito aiutandolo nel colloquio con il banchiere Tommy Brue (Dafoe).

Rachel-McAdams-A-Most-Wanted-ManL’ultimo film che vede protagonista Philip Seymour Hoffman è tratto dal libro di Le Carrè: “Yssa il buono”(A most wanted man) e l’attore ne interpreta l’agente segreto perfetto. Almeno perfetto per quel tipo di film e di libro, lontano dall’agente segreto tutto azione che i film di Hollywood ci regalano ogni anno. Hoffman è straordinario come già altre volte e in altri film e solo lui regge l’intero film, al resto del cast infatti rimane poco da fare. L’attore quindi rende il film  interessante grazie alla sua caratterizzazione, rende efficaci dialoghi introspettivi e situazioni al limite che altrimenti risulterebbero delle macchinazioni tediose, lente e prive di contenuto. In generale il film è lento, più vicino ai telefilm polizieschi tedeschi anni 80 rispetto agli ultimi 007. Per chi non è amante degli scritti e delle trasposizioni al cinema di Le Carrè il tutto risulterà noioso e cerebrale con il solo spunto di Hoffman di cui abbiam parlato.

A-MOST-WANTED-MAN-CASTLa vicenda seppur ingarbugliata più o meno volontariamente e senza grossi scossoni dona allo spettatore un minimo di tensione emotiva che tiene svegli solo per capire come andrà a finire. Regia scolastica, sceneggiatura che rende poco rispetto al libro dal quale è tratta.

Voto: 6, nonostante un Hoffman da 8

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Un pensiero su “A most wanted man – La spia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.