Un Natale pieno di film – Auguri!

La scelta di Sara

Il Grinch

“Lassù sulle montagne di Punta Bo vivono i piccoli Nonsochì, nella città di Chinonsò. Se chiedi ai Nonsochì, certo te lo diranno che Natale a Chinonsò si aspetta tutto l’anno… Tutti adorano il Natale a Chinonsò, ma il Grinch,lui no!”

Era il 2000 quando Ron Howard portava sul grande schermo la rinomata favola in rima del Dr Seuss rendendo il mostro verde e peloso un’icona ancora più celebre, un personaggio che fa ormai parte della tradizione natalizia, specialmente nei paesi anglosassoni.

La storia la conoscono tutti: In cima a un alto monte nevoso, vive il Grinch (Jim Carrey), un essere dall’aspetto buffo, verdastro e peloso, che odia tutto e tutti, in particolar modo, detesta con tutte le sue forze il Natale. Ai piedi della montagna, c’è il colorato paese di Chinonsò, dove tutti i Nonsochì sono intenti a comprare doni, dolciumi e decorazioni per l’imminente arrivo del Natale. Secondo i Nonsochi l’importante è scambiarsi doni e festeggiare senza sosta. Ma la piccola Cindy Chi Lou (Taylor Momsen) comincia a nutrire forti dubbi sul vero significato di tale festività. Così, un giorno, chiede al Sindaco Augustus Sindachì (Jeffrey Tambor), di invitare anche il Grinch a festeggiare il Natale a Chinonsò: il Sindaco, dapprima incerto, non può non accontentare la piccola e Cindy si reca quindi dal Grinch per consegnargli personalmente l’invito ufficiale.

Per il ruolo del protagonista furono considerati Jack Nicholson ed Eddie Murphy, ma il provino di Jim Carrey tolse ogni dubbio al regista. Oltre al suo, il cast vanta nomi celeberrimi quali Jeffrey Tambor, Christine Baransky, e un narratore d’eccezione, Sir Anthony Hopkins ma anche quelli di piccole stelle nascenti, quali Taylor Momsen e Bryce Dallas Howard, portata spesso sui set di papà Ron, per fare piccole comparse.

Il film ottenne un grandissimo successo e ben 3 nominations agli Oscar, vincendo quello per il trucco, ed è dedicato alla mamma di Ron Howard, Jean Speegle Howard, “who loved Christmas the most”.

È un film senza età, e sicuramente un must, del periodo natalizio, uno di quelli che lo spirito del Natale te lo infondono per osmosi, perché tutti, anche i più Grinch, si lasceranno travolgere dall’entusiasmo dei Nonsochì.

Commenti