Recensione – Torino TFF39 – Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis sono i registi di questo progetto che coinvolge un cast tecnico e artistico di Italia, Francia e Argentina. Una storia antica, tra leggenda e tradizione che prende vita e forma nelle immagini di questo intenso film. E’ uscito al cinema il 2 dicembre 2021 dove essere stato in concorso al Festival di Cannes nella sezione Quinzaine des Réalisateurs.

Tra storia e leggenda

Luciano (Gabriele Silli) è il figlio del medico locale di un borgo della Tuscia tardo ottocentesca: un’anima persa, un ubriacone che si trascina attraverso il villaggio e le campagne con grande scandalo per la comunità. Ma Luciano guarda in alto, e ama una contadina Emma (Maria Alexandra Lungu) promessa ad un principe: lo stesso che taglieggia la comunità, e contro cui Luciano intende ribellarsi in nome di una giustizia di principio. Le cose non andranno come crede, e l’uomo si troverà a vagare dall’altra parte del mondo in cerca di un tesoro leggendario inseguito da molti, convinti che l’oro nascosto cambierà la loro vita. Quella vita in cui le cose importanti invece, a ben guardare, sono altre.

“Re granchio” è la narrazione di una favola, di una leggenda  che valica i confini nazionali coinvolgendo Tuscia (l’Etruria dopo la dominazione etrusca) e la Terra del fuoco in Argentina nel tardo ottocento. Questa storia viene rievocata all’inizio del film da dei cacciatori attorno a una delle classiche tavole imbandite che ogni tanto sono soliti organizzare.

Si tratta di una storia che si tramanda da decenni e che, ovviamente prende forma a seconda del narratore. Punti di vista che cercano di convergere man mano verso quella che è la storia che il film ci presenta. Un uomo normale che sembra incarnare la giovinezza di molti o che molti hanno scansato grazie a idee chiare riguardo al loro futuro.

Come quadri d’autore

Più della vicenda, colpisce come questa viene raccontata dai due registi. Dediti al documentario, l’inizio è tipicamente di questo genere e successivamente “Re granchio” si dipana in quadri, scene, sempre più coinvolgenti che cercano di portare lo spettatore a sentire quanto sta provando il protagonista.

Grazie a un’ottima fotografia, una scelta azzeccata di colorazioni e a una messa in scena molto ben dettagliata i quadri prendono vita e Luciano acquista spessore man mano rendendo giustizia a quel personaggio che sembra solo un fannullone ubriacone e che invece ha molto da offrire soprattutto a se stesso.

La ricerca della propria strada

Luciano cerca la sua strada, combatte per la sua amata, esce dagli schemi di una cultura contadina che vede tutti al servizio e sotto il potere del principe. E’ un ribelle che non nasconde il suo egoismo ma che ha in sé quel coraggio e incoscienza dell’eroe della sua vita senza purtroppo averlo ancora compreso.

Il rapporto con Emma è semplice e normale come tra due fidanzati senza tenere conto del fatto che è osteggiato. Un rischio che aggiunge sostanza a un animo travagliato che insegue i suoi sogni persino quello più irrealizzabile dall’altra parte del mondo.

Un film da vedere e uno dei migliori prodotti della cinematografia italiana di quest’anno.

Voto: 7

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: