Recensione in anteprima – Venezia 76 – In concorso – Dodicesima regia e quattordicesima sceneggiatura per Noah Baumbach. L’apprezzato artista torna con una sua opera a due anni di distanza da “The Meyerowitz Stories”. Come per quest’ultimo film anche “Marriage Story” (Storia di un matrimonio) è stato prodotto da Netflix che lo distribuirà in tutto il mondo sulla sua piattaforma dal 6 dicembre.

I piccoli dettagli che fanno grande una storia

La vicenda segue la fine del matrimonio tra Charlie (Adam Driver) regista teatrale e Nicole (Scarlett Johansson) sua moglie e attrice. L’affidamento del figlio, il ricorso agli avvocati e il precipitare della relazione tra i due tra ricordi, melanconia e nostalgia dei bei momenti passati insieme.

L’inizio del film è a dir poco folgorante. La luce teatrale illumina il viso di Scarlett Johansson e parte il suo racconto tutto dedicato alle qualità, i difetti e le particolarità di suo marito Charlie con le immagini che amplificano il parlato. Dopo alcuni minuti è la volta di Charlie parlare dei pregi e dei difetti della moglie Nicole.

Un gioco delle parti che evidenzia in modo inequivocabile come il rapporto a due, il rapporto in una coppia che si ama è fatto di piccoli dettagli, piccole attenzioni che fanno in modo che nasca e fiorisca una grande storia d’amore. La storia di Nicole e Charlie però, ha una battuta d’arresto dopo un decennio di matrimonio e conoscenza. La loro volontà di separarsi non è chiara e, forse non è nemmeno inizialmente voluta ma ci sono diverse cose da chiarire.

Una storia scritta e interpretata magnificamente

La forza di “Marriage Story” è la sceneggiatura. Dialoghi reali, dinamiche concitate, battibecchi riusciti, botta e risposta incalzanti. Ogni personaggio ha la sua ben definita personalità che a volte risalta e a volte completa la scena. Un sottilissimo e riuscitissimo gioco di vita reale trascritto e impreziosito a volte da trovate geniali, a volte da sguardi complici ed espressioni sentite.

A coadiuvare la bellissima sceneggiatura due interpretazioni eccezionali. Adam Driver da prova, ancora una volta, di andare oltre il “Kylo Ren” in cui rischiava di essere circoscritto. Il suo Charlie è esattamente come viene descritto nei primi passaggi da Nicole, ne incarna il ritmo, la cadenza, le volontà e la storia. Scarlett Johansson da vita a una Nicole vera, mamma con incredibile amore, donna segnata da una relazione che sente sgretolarsi.

La dinamica tra i due protagonisti è un crescendo di complicazioni. I due rotolano sempre più in basso e sempre più velocemente come palline su un piano inclinato. La loro escalation di cattiveria e di ingenui stratagemmi rende la situazione esplosiva, a tratti esilarante quando a essere coinvolti sono alcuni familiari di Nicole.

Un gioco di distanze e vicinanze

E’ chiaro sin da subito che tra Nicole e Charlie c’è stato e forse c’è ancora molto amore. Lo dichiarano nelle lettere piene di dettagli, lo rendono vero da alcuni particolari di complicità e di complementarità che solo una profonda conoscenza e affinità possono dare.

La regia e la sceneggiatura creano abilmente queste situazioni di forzata distanza o forzata vicinanza. L’affidamento del figlio, la battaglia tra avvocati, la dinamica familiare di Nicole sono tutti sottoinsiemi di due mondi che si gravitano attorno e che sono pronti a dichiararsi trasparenza l’un l’altra.

Questa azione e compartecipazione abilmente centellinata con parole, sguardi, atteggiamenti sfocia in scene che evidenziano la separazione e allo stesso la profonda coesione di un legame forte nonostante tutto, nonostante la causa di divorzio che sembra stare più a cuore agli avvocati (interessante la critica al sistema dove sembra che bisogna essere disonesti per vincere).

Un gioco al massacro pilotato e un gioco alla ricostruzione di un amore che vorrebbe essere ritrovato nonostante tutto. Sublime, commovente, intenso, divertente, vero. Sceneggiatura, film e soprattutto gli attori fortemente candidati a dei premi.

Voto: 8,2

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.