L’isola dei cani

Recensione in anteprima – A quattro anni di distanza dall’apprezzato “Grand Budapest Hotel”, Wes Anderson torna al buio in sala con il suo nono lungometraggio. Il secondo film d’animazione in stop motion del regista statunitense è un film che va al di là della semplice trama e delle articolate scene. La volontà di parlare di discriminazione e di intolleranza attraverso il punto di vista di cani abbandonati. Al cinema dall’ 1 maggio.

Read more

Il Dio del 36° piano (CK)

Derrence Cale è un impiegato della Chemical Chester. Svolge piuttosto bene il suo lavoro di caposezione al piano; nessuno gli ha mai affidato quell’incarico e data la vastità dell’azienda per otto anni tutto è sempre filato liscio.
Un giorno Derrence conosce Edwin Tzadi; questo lo mette in guardia dalla sua segretaria, Mercy Adrians, la quale, secondo Tzadi, lo vorrebbe eliminare. Derrence, sconcertato, rivela la cosa a Brian ed Aileen: ma questi non sembrano per nulla sorpresi, ma anzi sembra quasi che si aspettassero che una situazione del genere si sarebbe prima o poi creata; quindi premono affinchè egli abbandoni l’azienda o, come già gli aveva chiesto Tzadi, uccida Mercy Adrians.
Una inquietante vicenda che si concluderà con una rivelazione catastrofica non solo per Derrence ma per tutto il genere umano

Read more

Diamond Dogs – Parte I (CK)

Ellis Island, 1909: da uno dei tanti transatlantici in arrivo sbarcano una giovane donna e il suo bambino. Provengono dall’Italia, dall’Aspromonte più arcaico e violento. I loro nomi sono Cetta e Natale: ma il bimbo viene subito chiamato, dagli addetti dell’Immigrazione, “Christmas”. Natale-Christmas: nella trasformazione di questo nome è racchiuso tutto il sogno della giovane, indomita Cetta, che affronta con coraggio le difficoltà della vita nel ghetto italiano del Lower East Side di New York con un solo desiderio: che il suo bambino diventi un vero americano, libero di essere felice ma ancor prima libero di essere se stesso.

Read more