9. The Post (7,80) di Steven Spielberg, USA

01 Distribution, Uscita01/02/2018

I biglietti venduti son stati solo 1.008.427 per un incasso complessivo di 6.406.323 Euro e una media di 6,35 Euro. Il voto su IMDB è 7,2 mentre su Rottentomatoes il gradimento è del 88% (72% per il pubblico)

“Presentato in première, con tanto di “black and white carpet” nella splendida cornice déco del cinema Odeon di Milano alla presenza degli interpreti e del regista, The Post è l’ultima fatica di Steven Spielberg impreziosita da Meryl Streep e Tom Hanks nel ruolo dei protagonisti.” (continua)

8. Chiamami col tuo nome (7,92) di Luca Guadagnino, ITA

Warner Bros., Uscita25/01/2018

I biglietti venduti son stati solo 340.484 per un incasso complessivo di 2.235.699 Euro e una media di 6,57 Euro. Il voto su IMDB è 7,9 mentre su Rottentomatoes il gradimento è del 95% (85% per il pubblico)

“Candidato a quattro premi Oscar tra cui miglior film e miglior attore protagonista, Chiamami col tuo nome è l’intensa storia, straordinariamente scritta e interpretata, della scoperta dell’amore, del desiderio e della vita da parte del diciassettenne Elio grazie all’incontro col più maturo Oliver. Luca Guadagnino realizza un’opera toccante per la profondità dello sguardo e la sensibilità della narrazione, che ne fanno un racconto sincero, estremamente realistico e per questo universale.” (continua)

7. Cold War (7,93) di Pawel Pawlikowski, POL

Lucky Red Distribution, Uscita20/12/2018

Il voto su IMDB è 7,8 mentre su Rottentomatoes il gradimento è del 93% (88% per il pubblico)

“Presentato al Festival di Cannes e vincitore del Premio per la miglior regia, il nuovo film del regista polacco già premio Oscar come miglior film straniero nel 2015 per ‘Ida’, è il racconto straripante e trattenuto al tempo stesso, narrato in un bianco e nero avvolgente, di un amore viscerale e (auto)distruttivo nell’Europa paralizzata dalla Guerra Fredda.” (continua)

Di Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.