Molly’s Game

Recensione in anteprima – Approdo alla regia per Aaron Sorkin, celebre sceneggiatore di “The Social Network” e “Steve Jobs”, con la storia vera di Molly Bloom. Un’intensa Jessica Chastain interpreta la giovane campionessa di freestyle che, in seguito a un incidente in pista, diventa l’organizzatrice di uno dei più fruttuosi ed esclusivi giri di poker clandestino di Hollywood. Con dialoghi incalzanti e inarrestabili e con un montaggio serrato, “Molly’s Game” è un film dalla confezione fin troppo elaborata per una storia e una protagonista già di per sé fuori dell’ordinario. In sala dal 19 aprile.

Read more

Visages, villages

Recensione – Con ‘Visages, villages’ Agnès Varda e Jr. firmano un piccolo gioiello della cinematografia contemporanea: il documentario on the road ambientato nelle zone rurali e per le strade meno battute della Francia, regala un emozionante e delicato viaggio tra la gente comune e le loro storie, diventando riflessione poetica sul potere dello sguardo – immagine e immaginazione, fotografia e cinema -, e sul tempo –la vita, la morte, la memoria. Senza però mai perdere l’ironia.

Read more

Corpo e anima

Recensione – Vincitore lo scorso anno dell’Orso d’oro alla Berlinale e candidato come miglior film straniero agli Oscar 2018, Corpo e anima della regista ungherese Ildikó Enyedi racconta con sottile ironia l’affascinante storia di due personaggi a modo loro borderline, del loro incontro prima in sogno e poi nella realtà, della paura di vivere e della necessità di rischiare, celebrando con immagini ricche di poesia le imprevedibili forme che può assumere il destino per compiere il suo corso.

Read more

Chiamami col tuo nome

Recensione – Candidato a quattro premi Oscar tra cui miglior film e miglior attore protagonista, Chiamami col tuo nome è l’intensa narrazione, straordinariamente scritta e interpretata, della scoperta dell’amore, del desiderio e della vita da parte del diciassettenne Elio grazie all’incontro col più maturo Oliver. Luca Guadagnino realizza un’opera toccante per la profondità dello sguardo e la sensibilità della narrazione, che ne fanno un racconto sincero, estremamente realistico e per questo universale.

Read more

Dickens – L’uomo che inventò il Natale

Recensione in anteprima – Presentato alla 35esima edizione del Torino Film Festival e in sala dal 21 dicembre, “Dickens – L’uomo che inventò il Natale” ci porta nell’Inghilterra – e nella mente – del grande scrittore Charles Dickens raccontandoci la travagliata genesi di uno dei suoi capolavori, ‘Canto di Natale’. Una ricostruzione di fatti e ambientazioni puntuale e romanzata allo stesso tempo che, ricorrendo a diversi registri, fa un ritratto non scontato del celebre autore e della sua opera.

Read more

Cure a domicilio

Recensione – Con il suo primo lungometraggio il regista ceco Slávek Horák racconta la storia dell’infermiera a domicilio Vlasta, generosa e disponibile verso pazienti e familiari non sempre riconoscenti, che scopre di avere un tumore all’ultimo stadio, decidendo allora di riprendere in mano la propria vita. Un film sul ‘coming of age’ semplice e toccante, ironico nonostante tutto, che ci ricorda che non è mai troppo tardi per iniziare ad amare noi stessi.

Read more

L’uomo di neve

Recensione in anteprima – Nelle sale dal 12 ottobre, Tomas Alfredson firma l’attesissimo adattamento cinematografico del settimo capitolo della saga crime scritta da Jo Nesbø. Michael Fassbender, nei panni del commissario alcolizzato Harry Hole, è alle prese con un serial killer che mutila cadaveri di donne e si firma con inquietanti pupazzi di neve. Un thriller violento e glaciale, perfettamente d’atmosfera, che però sembra arrancare nei tentativi di analisi psicologica e nella risoluzione del caso, forse costretta in tempi cinematografici mal calibrati.

Read more

The Teacher

Recensione in anteprima – Al cinema dal 7 settembre, la commedia del duo Hřebejk – Jarchovský ambientata nella Bratislava del 1983, in piena Unione Sovietica, raccontando la storia di un’insegnante molto particolare, abituata a chiedere favori ai genitori dei propri alunni in cambio di buoni voti, invita a riflettere (senza dimenticare il sorriso) sul valore della morale e sul peso della coscienza di fronte alle scelte e alle contraddizioni del quotidiano.

Read more

Lady Macbeth

Recensione in anteprima – Nelle sale dal 15 giugno, l’esordio cinematografico del regista teatrale William Oldroyd racconta una storia di scoperta e affermazione di sé attraverso gli estremi di amore e morte ambientata nell’Inghilterra ottocentesca: non un classico romantico, ma un crescendo di violenza con al centro un’affascinante (anti)eroina senza scrupoli.

Read more