David di Donatello 2019: i vincitori, trionfa Dogman

David di Donatello 2019 – Si è tenuta la sera del 27 marzo la cerimonia dei David di Donatello, i premi dell’Accademia del Cinema Italiano. Condotta da Carlo Conti, la serata ha visto tanti ospiti tra cui Tim Burton, che ha ricevuto il premio alla Carriera consegnato da Roberto Benigni, Dario Argento, Uma Thurman e Francesca Lo Schiavo, che hanno ricevuto il David Speciale. Alfonso Cuarón ha ricevuto il premio al miglior film straniero per Roma, mentre Andrea Bocelli ha duettato con il figlio Matteo.

In una serata abbastanza noiosa e scialba con un clima da “festa paesana” mal riuscita i premi son stati assegnati in modo da premiare un po’ tutti i film di punta del cinema italiano di quest’ultimo periodo. Spicca Dogman con 9 statuette. Tra una battuta infelice e uno scivolone organizzativo, tra un Conti casereccio e un guardarsi continuamente l’ombelico italico ecco i vincitori:

MIGLIOR FILM

  • Dogman
    prodotto da ARCHIMEDE, LE PACTE con RAI CINEMA
    per la regia di Matteo GARRONE

MIGLIOR REGIA

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE – PREMIO GIAN LUIGI RONDI

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE

  • Dogman
    Matteo GARRONE, Massimo GAUDIOSO, Ugo CHITI

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

MIGLIOR PRODUTTORE

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA

  • Loro
    Elena Sofia RICCI

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

MIGLIOR AUTORE DELLA FOTOGRAFIA

MIGLIORE MUSICISTA

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

MIGLIORE SCENOGRAFO

MIGLIORE COSTUMISTA

MIGLIOR TRUCCATORE
  • Dogman
    Dalia COLLI, Lorenzo TAMBURINI

MIGLIOR ACCONCIATORE

  • Loro
    Aldo SIGNORETTI
MIGLIORE MONTATORE

MIGLIOR SUONO

  • Dogman
    Presa diretta: Maricetta LOMBARDO – Microfonista: Alessandro MOLAIOLI – Montaggio: Davide FAVARGIOTTI – Creazione suoni: Mauro EUSEPI, Mirko PERRI – Mix: Michele MAZZUCCO

MIGLIORI EFFETTI VISIVI

MIGLIOR DOCUMENTARIO

  • Santiago, Italia
    di Nanni MORETTI

MIGLIOR FILM STRANIERO

  • Roma
    di Alfonso Cuarón (Netflix)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

  • Frontiera
    di Alessandro DI GREGORIO

Commenti