Cinema (reale) dal 28 Marzo 2019

Film al cinema – In sala l’attesissimo remake live-action “Dumbo” di Tim Burton. Escono inoltre l’interessante nuova opera di Rupert Wyatt: “Captive State” che abbiamo avuto l’onore di offrire insieme ad Arcadia come visione gratuita in sala Energia. “Bentornato Presidente!” sequel del successo con Claudio Bisio protagonista. Non dimenticate che dall’1 al 4 aprile ci saranno i “Cinema Days”, tutti i film 2D a 3 Euro. Buona visione.

Dumbo (Recensione)

Holt Farrier è una ex star del circo che al ritorno dalla guerra trova la propria vita sconvolta. Il proprietario del circo Max Medici assume Holt chiedendogli di occuparsi di un elefante appena nato le cui orecchie sproporzionate lo rendono lo zimbello di un circo già in difficoltà. Ma quando i figli di Holt scoprono che Dumbo sa volare, il persuasivo imprenditore V.A. Vandevere e un’artista aerea di nome Colette Marchant fanno di tutto per trasformare l’insolito elefante in una star.

Captive State (Recensione)

In una Chicago irriconoscibile, ambientata dieci anni dopo che la città è stata occupata da alcune forze extraterrestri, gli umani si dividono in due fazioni, coloro che accettano il nuovo governo e coloro che invece si oppongono dando vita alla Ribellione. Due Fratelli, che dopo l’invasione aliena rimangono separati per molto tempo, troveranno il modo di riunirsi solo quando il maggiore dei due guiderà un piccolo gruppo di rivoluzionari intenzionati a mettere fuori uso il sistema di tracciamento alieno che si trova in cima alla Sears Tower. Se avrà successo, la missione potrebbe significare non solo la sconfitta degli alieni, ma anche la liberazione della razza umana.

Bentornato Presidente!

Sono passati otto anni dalla sua elezione al Quirinale e Peppino Garibaldi vive il suo idillio sui monti con Janis e la piccola Guevara. Peppino non ha dubbi: preferisce la montagna alla campagna… elettorale. Janis, invece, è sempre più insofferente a questa vita troppo tranquilla e soprattutto non riconosce più in lui l’uomo appassionato, di cui si era innamorata, e che voleva cambiare l’Italia. Richiamata al Quirinale, nel momento in cui il Paese è alle prese con la formazione del nuovo governo e appare minacciato da oscuri intrighi, Janis lascia Peppino e torna a Roma con Guevara. Disperato, Peppino non ha scelta: tornare alla politica per riconquistare la donna che ama.

Una giusta causa

Ruth Bader Ginsburg, è una delle nove donne ad entrare, nel 1956, al corso di Legge dell’Università di Harvard e che, nonostante il suo talento, fu rifiutata da tutti gli studi legali in quanto donna. Sostenuta dall’amore del marito Martin Ginsburg e dall’avvocato progressista Dorothy Kenyon, accetta un controverso caso di discriminazione di genere. Contro il parere di tutti, Ruth vinse il processo, determinando un epocale precedente nella storia degli Stati Uniti sul fronte della parità dei diritti. Un tributo a una delle figure più influenti del nostro tempo, seconda donna a essere nominata Giudice alla Corte Suprema; un omaggio a tutte le donne, un invito a non farsi sopraffare.

Border – Creature di confine

Tina, doganiera dall’efficacia formidabile, è conosciuta per il suo olfatto fuori dall’ordinario. È come se riuscisse a fiutare la colpevolezza di un individuo. Quando Vore, un uomo all’apparenza sospetto, le passa davanti, le sue capacità sono messe alla prova per la prima volta. Tina sente che Vore nasconde qualche cosa, ma non riesce a comprendere “cosa”. Peggio ancora, sente una strana attrazione verso di lui. Quando inizia una relazione con Vore scopre anche la propria vera identità: entrambi non appartengono al mondo umano…

The Prodigy – Il figlio del male

Sarah è preoccupata per il comportamento inquietante del figlio di 8 anni Miles: la giovane madre, infatti, teme che qualcosa di soprannaturale possa essersi impossessato del bambino. Decide quindi di farlo ipnotizzare, scoprendo così che un demone ha scelto il corpo di suo figlio per manifestarsi.

escono inoltre: Arbëria, Fratelli nemici – Close Enemies, Likemeback, Tutte le mie notti, Il Vegetariano

Commenti