“Star Trek Discovery” Battle at the binary stars

Ep. 1×02 – Serie tv – Recensione – Secondo episodio della nuova serie tv della saga “Star Trek” creata nel 1966 da Gene Roddenberry. Protagonisti nuovamente i Klingon a completare quello che, a tutti gli effetti, è la seconda parte di un episodio doppio.

[spoiler alert]

Eravamo rimasti alla minaccia Klingon alla fine del primo, intenso episodio. La minaccia Klingon si palesa subito come scontro inevitabile e comprendiamo anche, dopo l’ammutinamento del capitolo precedente, come è nato il rapporto tra il primo ufficiale Michael Burnham e il capitano Philippa Georgiou.

“La battaglia delle stelle binarie” è un perfetto parallelo e allegoria del dualismo tra il capitano e il suo primo ufficiale che ne ha sfidato il comando. E’ anche, in maniera più ampia l’anima della nuova serie di “Star Trek”. La saga infatti si trova di fatto a fronteggiare questa sua doppia anima, anzi questo sistema binario con da una parte il “sole” del passato televisivo glorioso (serie originale o next generation che sia) e il “sole” del nuovo modo di intendere le serie tv moderne. Fondersi col rischio di collassare o mescolarsi con il rischio di non accontentare nessuno?

La sfida è lanciata in questo secondo episodio che, a tutti gli effetti, per continuità della vicenda, è una seconda parte del pilot doppio costruito per questa prima uscita televisiva e in streaming. I Klingon sono il centro dei pensieri dei membri dell’equipaggio della USS Shenzou, i Klingon si identificano, si coalizzano, si riuniscono nella battaglia e, come loro tradizione sono anche pronti al sacrificio estremo senza dimenticare i loro caduti in battaglia.

A livello visivo la battaglia tra astronavi di diverse dimensioni e potenza risultano molto credibili e particolareggiate con una grafica di altissima qualità per un prodotto televisivo. Non tedia l’azione prolungata, come non tediano i dialoghi, sicuramente più interessanti rispetto al primo episodio di semi presentazione. Tralasciando il problema tecnico occorso alla versione italiana dove il doppiaggio del capitano e del primo ufficiale risultano di volume molto basso quasi inascoltabile, la dinamica di recitazione è nettamente più apprezzabile nella versione originale.

Si inizia, già da questo secondo episodio, ad approfondire i rapporti tra i diversi personaggi. Si utilizzano anche i flashback che, in linea di massima non erano stati utilizzati nelle precedenti serie di “Star Trek”, una novità, quindi, nel racconto che aumenta la profondità della vicenda e lega in maniera più curata l’intera stagione, che, sappiamo non è composta da episodi autoconclusivi ma da un’intera lunga storia.

I nemici sono dichiarati ma l’epilogo, ancora una volta come stella binaria, è inaspettato, si propone in modo insolito ma perfettamente in linea con lo stile di Star Trek. Un episodio, in definitiva che anima molto l’universo trek e che migliora persino il primo incipit della storia di questa nuova serie “Star Trek Discovery”. I riferimenti a Kahless affondano le loro radici negli episodi dedicati a questa storia e mitologia Klingon nelle serie “Star Trek Next Generation” e, soprattutto “Star Trek Deep Space Nine”

Se il primo episodio è stato un buon inizio, il secondo rappresenta una buona prosecuzione.

Voto: 7,6

The following two tabs change content below.

Giuseppe Bonsignore

Fondatore di Cinematik.it nel lontano 1999, appassionato di Cinema occupa il suo tempo impiegato in un lavoro molto molto molto lontano da film e telefilm. Filmaker scadente a tempo perso, giornalista per hobby, recensore mediocre, cerca di tenere in piedi la baracca. Se non vede più di 100 film (al cinema) all'anno va in crisi d'astinenza.
Loading Facebook Comments ...

Commenti

Cinematik © 1999-2017 Frontier Theme
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: