I primi 15 minuti di “Ghost in the Shell”

Anteprima – Il 30 Marzo arriverà nelle sale italiane il primo adattamento live action del famoso manga di Masamune Shirow, Ghost In The Shell. Grazie a Universal Pictures Italia abbiamo avuto l’occasione di assistere in anteprima ai primi 15 minuti della pellicola presso la sala  (light) IMAX di UCI Cinemas Pioltello.

Scarlett Johansson plays The Major in Ghost in the Shell from Paramount Pictures and DreamWorks Pictures in theaters March 31, 2017.

Per chi non lo conoscesse, Ghost in the Shell è un thriller poliziesco fantascientifico ideato inizialmente come manga da Masamune Shirow e adattato poi in tanti altri media tra cui videogame, romanzi e la più famosa serie Anime. Con questo primo live action cinematografico diretto da Rupert Sanders si cerca di rendere ancora più popolare il franchise superando i confini nazionali e portando il successo della serie anche in occidente. Fondamentale da questo punto di vista è stata la scelta dell’attrice protagonista: una popolarissima Scarlett Johansson. La scelta si è rivelata fin da subito azzeccata, già dalle prime foto e trailer le aspettative per questo film sono cresciute parecchio rendendolo una delle uscite più attese di questo periodo. Ciò che colpisce a prima vista sono gli affascinanti effetti speciali che animano il corpo robotico di Mira (Scarlett Johansson), vero e proprio protagonista dinamico insieme all’attrice, dalla sua creazione sintetica fino alle scene di azione più intense.

“Ghost in the Shell” segue le indagini della Sezione di Sicurezza Pubblica numero 9 detta semplicemente “Sezione 9” guidata dal Maggiore Mira (Motoko Kusanagi nell’originale), un’unità antiterroristica specializzata nella risoluzione di casi e crimini a carattere tecnologico che agisce in un futuristico Giappone in cui cyborg, esseri che mantengono un cervello umano in un corpo robotico, e robot veri e propri stanno per rimpiazzare gli essere umani.

L’ambientazione è l’altro cardine su cui punta tutto il film, un Giappone futurista e dai toni cyberpunk che visivamente ricorda molto il mondo di “Blade Runner” di Ridley Scott. La fotografia davvero spettacolare e i colori accesi catturano dai primi istanti lo sguardo dello spettatore e riescono a ricreare perfettamente il futuro fantascientifico della serie.

Ovviamente non possiamo giudicare l’intera pellicola da questi primi minuti. La speranza è che il film completo non sia solo un bel vedere e uno sfoggio di effetti speciali ma che sia sostenuto anche da una trama convincente che metta in risalto il dilemma morale derivante dal dualismo uomo-macchina alla base del manga originario: dove finisce l’essere umano (Ghost) e dove inizia la macchina (Shell).

Le prime impressioni però ci lasciano fiduciosi, “Ghost in the Shell” sembra poter accontentare sia i fan del manga, che temevano una snaturalizzazione dell’opera originaria, che gli appassionati di fantascienza in generale.

Appuntamento quindi al 30 Marzo per un giudizio più completo.

Commenti