Oceania, l’incontro con la produttrice Osnat Shurer

Presentazione – Il 29 settembre a Milano, la produttrice Osnat Shurer ha presentato in anteprima alla stampa alcune clip inedite del cinquantaseiesimo film d’ animazione Disney Oceania: un viaggio alla scoperta dell’incredibile lavoro dietro le quinte del film.

oceania_nuovo_trailer_italiano_film_disney-660x350

Tremila anni fa, i più grandi navigatori al mondo attraversavano lo sconfinato Oceano Pacifico, alla scoperta delle numerose isole dell’Oceania. Ma poi, per un millennio, i loro viaggi cessarono, e ancora oggi, nessuno sa il perché. È in questo contesto che la sedicenne Vaiana si imbarca in una coraggiosa missione per salvare il suo popolo. Durante il suo viaggio, s’imbatterà nel leggendario Maui, semidio caduto in disgrazia che la guiderà nella sua ricerca per diventare una grande esploratrice. Insieme, i due attraverseranno l’oceano in un viaggio pieno d’azione, che li porterà ad affrontare enormi creature feroci e ostacoli impossibili e, lungo il percorso, Vaiana porterà a compimento l’antica ricerca dei suoi antenati e troverà l’unica cosa che ha sempre desiderato: la propria identità.

Diretto dal celebre duo formato da Ron Clements e John Musker (La Sirenetta, Aladdin, La Principessa e il Ranocchio) e con le musiche di Lin-Manuel Miranda (vincitore del Tony Award per Hamilton e In the Heights), Mark Mancina (Tarzan, Il Re Leone) e Opetaia Foa‘I (fondatore e cantante della band internazionale Te Vaka); Oceania arriverà nelle sale italiane il 22 dicembre e sarà disponibile anche in 3D.

“È una storia ambientata moltissimi anni fa, ma con un tocco contemporaneo” dice Osnat Shurer “la nostra speranza come filmmakers era quella di creare una storia universale che rendesse anche omaggio alle bellissime popolazioni delle isole del Pacifico, che ci hanno ispirato in questa avventura.” Oltre ad essersi recati sul posto i registi e i produttori hanno creato un vero e proprio team di ricerca, chiamato Oceanic Story Trust, che vanta la presenza di esperti di ogni tipo di arte e disciplina presenti nella cultura polinesiana: pescatori, archeologi, tatuatori, antropologi, danzatori, linguisti… “Non stiamo realizzando un documentario ovviamente, ma le nostre esperienze hanno influenzato la nostra immaginazione in un modo che non ci saremmo aspettati ” ha detto Musker.

maui-oceania

Per quanto riguarda il cast del doppiaggio la Shurer ammette di aver avuto una grande fortuna: la giovanissima Auli’i Cravalho è stata scelta dopo numerosi casting e provini, quando ormai il suo personaggio era già stato disegnato ed animato e quindi la sua somiglianza con Vaiana è un incredibile coincidenza. Il personaggio di Maui, invece è largamente ispirato a Dwayne Johnson, è stato disegnato ed animato a sua immagine ancora prima che lui stesso accettasse il lavoro, “non abbiamo mai avuto un piano B” rivela la produttrice “quindi siamo stati fortunati anche in questo caso”.

Il vero protagonista, tuttavia, è l’oceano, presente nell’85% delle scene del film e animato direttamente nella prima fase, insieme agli altri personaggi, e non in un momento secondario, come di solito avviene con i dettagli e le scenografie.

La Shurer ricorda infine le parole di un anziano incontrato durante i viaggi di esplorazione del team, che ha chiesto loro una cosa semplice, ma allo stesso tempo significativa: “Per anni siamo stati travolti dalla vostra cultura. Potete per questa volta farvi travolgere voi dalla nostra?” Inutile dire che si, noi siamo curiosissimi e prontissimi a farci travolgere da questo Oceano.

Trailer ufficiale italiano

Poster ufficiale italiano

oceania_poster

Commenti