Star Wars III: La vendetta dei Sith

Recensione – Il nostro viaggio tra le due trilogie di Star Wars si conclude con questo terzo capitolo della trilogia “prequel”. Un finendo in crescendo per questa storia prequel che rimette in ordine tutti i dettagli per allacciarsi alla trilogia originaria.

La vendetta dei sith

Eccoci finalmente giunti all’ultimo capitolo della saga, che abbiamo scelto di ricordare con voi in attesa dell’episodio VII, in uscita il 16 dicembre (mancano veramente pochi giorni!)

La storia comincia 3 anni dopo l’inizio della guerra dei cloni, che vede opporsi l’esercito della Repubblica, guidato dai cavalieri Jedi, ai separatisti condotti dal conte Dooku e dal generale Grievous.

Dooku viene ucciso da Anakin, per ordine del cancelliere Palpatine, mentre Obi- Wan viene incaricato di sconfiggere Grievous e porre così fine alla guerra. Nel frattempo il cancelliere si avvicina ad Anakin, promettendogli protezione per sua moglie Padmé, che aspetta un bambino e che soffre agonizzante ogni notte, negli incubi premonitori del giovane Jedi.

La vendetta dei sith 2

La Vendetta dei Sith, uscito nel maggio 2005, è senza dubbio il più amato della nuova trilogia, per l’ intensità, l’azione e la qualità degli effetti speciali. È il capitolo più sinistro della saga, quello che porterà Anakin Skywalker a diventare uno dei cattivi più celebrati nella storia del cinema, non solo fantascientifico. È anche il meglio riuscito, perché è in grado di mescolare gli elementi nuovi con quelli familiari e di conciliarli tra di loro, chiudendo il cerchio: questo lo rende quindi un po’ nostalgico agli occhi di chi, da ragazzino, ha vissuto la prima trilogia e ne ha amato i personaggi.

Il duello tra Anakin e Obi-Wan è il migliore che si sia mai visto, é impreziosito da uno scenario eccezionale (la nostra Etna) e da un’indimenticabile colonna sonora e si svolge contemporaneamente ad un altro scontro memorabile: quello tra Yoda e l’Imperatore, armato di spada laser per la prima ed ultima volta.

Il livello degli effetti speciali si mantiene alto, come nell’episodio II, anche se la scelta di riproporre l’esercito dei cloni in computer grafica è discutibile, perché si perdono realismo ed umanità.

Quello che secondo noi non funziona, è proprio il tema centrale: il passaggio di Anakin al lato oscuro è troppo veloce e drastico, sembra quasi preso con leggerezza, basti pensare alla strage che compie subito dopo essere stato nominato Sith.

La vendetta dei sith_ 3

In questo viaggio per la Galassia lontana lontana, vi abbiamo proposto i film in ordine di uscita nelle sale e non in quello cronologico degli eventi, ma questo è un dibattito sempre aperto e si presenta ogni volta che dobbiamo consigliare un amico al primo approccio, ma anche semplicemente quando abbiamo voglia di rivedere la saga: da una parte c’è chi preferisce seguire il filo della storia prima dal punto di vista di Anakin, poi da quello di Luke; dall’altra c’è chi preferisce rispettare, quasi in maniera rituale, l’ordine classico.

Comunque scegliate di intraprenderlo, vi auguriamo un buon viaggio e che la forza sia con voi!

Voto: 7

S&M

Commenti