In the woods (CK)

In the woods

Nuno Productions
(Horror)

Regia: John Carpenter

Cast: Mark Wahlberg, Melissa George, Cecilia Balagot, Richard Jenkins, Lorna Raver, Betty Aberlin, Jared Harris, Saly Sayler

Link al sito

Link al film

Trama: tutto a primo vista, in quella cittadina di campagna, sembra essere silenzioso e pacifico. Ma Ashborough nasconde molti segreti. Segreti inimmaginabili. Molti cittadini sembrano stranamente nervosi e alcuni parlano sottovoce di leggende a cui nessuno sano di mente potrebbe credere. Ma ciò che Michael scoprirà nella foresta andrà oltre ogni immaginazione…

Mark Wahlberg – il protagonista del film

 

Recensione: (Tomcat)

Che Nuno sia il signore degli horror di Ck, questo è al di fuori di ogni ragionevole dubbio. Sia perchè è il suo genere produttivo preferito (declinato in tanti sottogeneri e anche con il thriller) e sia perchè tutti hanno acclamato Krull come uno dei migliori film di sempre di Ck (io per mia colpa, lo devo ancora leggere).
Normalmente il produttore aretino, ha una altalenanza produttiva a livello qualitativo; sempre abbondamentemente sopra la sufficienza, ma spesso passa da film grandiosi a altri meno apprezzabili; per esempio il suo esordio alla commedia o la scuola del crimine.
Dopo questo incipit, passiamo a questa pellicola che a me riporta davanti le ambientazioni, tanto care a King e a Lovecarft: una periferia che dietro alla normalità, nasconde cose mostruose. Infatti questa pellicola ha dalla sua una sceneggiatura pressochè perfetta sotto ogni profilo: la storia scorre via che è una bellezza, regalandoci punte di suspance da cardiopalma e scene se non sempre gore, spesso raccapriccianti; basti pensare al primo incontro con Rosy, che non è certamente un bello spettacolo. Il film gioca molto sul filo del tenere sempre in tensione lo spettatore, con situazione strane, che si calano nella normalità. Una pellicola dove tutti sono a loro modo vittime e carnefici, per un mero aspetto di sopravvivenza.
I personaggi sono tratteggiati magnificamente (forse anche perchè sono pochi) e sono al tempo stesso vivi e spaventosi. Allo stesso modo anche i dialoghi sono ottimi e veri, senza risultare mai falsi. Forse la cosa che mi è piaciuta di meno è l’utilizzo “pesante” della VFC, che se poteva essere sensata all’inizio e alla fine, non mi ha gustato nel mezzo del film, dove dovrebbero essere le immagini a spiegare le cose e non quell’espediante letterario. In ogni caso è un qualcosa che spesso viene utilizzato e che non è un vero errore.
C’è una scena che non mi è tornata molto: sul finire Michael prende il reietto dal freezer e lo pone sul tavolo ed è ancora congelato (gli arti hanno un rumore di rottura, quando vengono distesi), ma lui con facilità con una siringa riesce a prelevare il sangue all’interno del cadavere; operazione che in quella condizione è impossibile, perchè il sangue è ghiacciato. Però potrebbe essere che è passato abbastanza tempo da farlo scongelare, anche se dal film non sembra.
Carpenter a discapito dell’età anagrafica si dimostra un ragazzino, nell’orchestrare quest’ottimo horror, mostrandoci che questo genere è il suo migliore.
Normalmente la Nuno, non sfrutta cast dai nomi altisonanti, ma riesce sempre a fare film di qualità e anche in questo caso l’operazione è la stessa: un nome noto (Walhberg) e molti mesterianti che però fanno il loro dovere. Wahlberg è superlativo e porta in scena arricchendolo un gran personaggio; una recitazione senza sbavature, con cambi d’umore che non tutti avrebbero saputo rendere reali. Così come Jenkins, ci offre una buonissima prova di recitazione. Brava anche la George nel ruolo della moglie “umorale” e fondamentalmente antipatica di Micahael. Non male nemmeno per la giovane età la Balagot, anche se passa la maggiorparte della pellicola zitta e con gli occhi spiritati.
Incredibile ma vero, sembra che il Kaiser abbia colpito ancora… Infatti per la prima volta, abbiamo due locandine, quella del film in analisi e quella del film di Nightbay, che sfruttano la stessa immagine. Una locandina evocativa e ben fatta, come Nuno sa fare.
Il sito è molto completo e graficamente ineccepibile, con le curiosità molto interessanti e una pagina corposissima sul regista, cosa che in molti si dimenticano di mettere.
La colonna sonora di questo film è molto bella e ricercata, ma ha quel difetto, che io non apprezzo molto: la ripetibilità dei brani in più scene e per la maggiorparte delle volte senza che la situazione sia identica. Un vero peccato, perchè la scelta si abbinava a meraviglia con le scene arricchendole.
Concludendo questo è un ottimo film da vadere a prescindere che vi piacciano i film horror. Un film che tiene in tensione in maniera straordinaria. Un grande ritorno sia di Nuno, che di Carpenter su CK e a oggi uno dei migliori film del semestre.
Voto complessivo: 78/100

Altre recensioni e commenti sul Forum di Cinematik

Curiosità:

il film è stato in sala per 8 settimane in cui incassò 308.103.984€k e Il film costò 98.450.000€k e il guadagno del produttore fu di 188.688.586€k.

Film giudicato ottimo dai recensori di CK, tanto da valergli i seguenti premi:

Halloween Contest 2011
Miglior Regia (John Carpenter)
Scream King (Mark Wahlberg)
Miglior Scena Spaventosa
CK Awards Winter 2011
Miglior Regia (John Carpenter)
Premio Speciale Stanley Kubrick
David di Lupatello Winter 2011
Miglior Regia (John Carpenter)
Miglior Attore Protagonista (Mark Wahlberg)
Premio Speciale Miglior Horror

Commenti