Il piccolo popolo dei grandi magazzini (CK)

2zstaauIl piccolo popolo dei grandi magazzini

Produttore: World Entertainment

Genere: Animazione

Regista: Nick Park & Steve Box

Doppiatori: James McAvoy, Hayley Atwell, Matthew MacFadyen, Martin Landau, Simon Pegg, Maggie Smith, Christopher Lee, Jim Broadbent, David Kelly

Trama: Per le migliaia di piccoli Niomi che vivono sotto i pavimenti dei grandi magazzini F.lli Arnold, il mondo esterno non esiste. Non esistono il giorno né la notte, il sole e la pioggia: sono tutte vecchie superstizioni. A scandire il loro tempo ci sono gli orari di apertura e di chiusura, i saldi di fine stagione, le occasioni estive e il Natale. Per loro il creatore del mondo è, naturalmente, F.lli Arnold, che risiede all’ultimo piano e che nessuno ha mai visto. Ma ecco che una notizia sconvolgente si diffonde all’improvviso: i grandi magazzini stanno per essere demoliti. Sta arrivando la fine del mondo? Tra fantasy e humour, il nuovo film dagli autori di “Wallace & Gromit: la maledizione del coniglio mannaro”

Link al film.

Il piccolo popolo dei grandi magazzini è uno dei film più squisitamente divertenti che ho letto fino ad ora a Cinematik. Molto natalizio nell’atmosfera (pur non essendo un film sul Natale), esso non è altro che una grande metafora della condizione umana. I protagonisti sono i niomi, degli esserini alti poco più di 3 centimetri, in tutto e per tutto simili agli umani. Seguiamo le avventure di un gruppo di omini che dall’esterno trova rifugio nel grande Emporio dei fratelli Arnold. Qui, Masklin e soci, incontrano un immenso popolo che vive immerso negli agi e nel lusso, ma soprattutto sopraffatto dall’ignoranza. Il popolo dei grandi magazzini è infatti convinto che non esista nulla al di fuori del centro commerciale e venerano i fratelli Arnold come fossero divinità. Masklin e la sua gente, inizialmente, non verranno accettati, ma poi una serie di eventi porteranno i niomi ad aprire gli occhi, ad armarsi di coraggio e ad andare incontro a quello che per loro è ignoto.

51fOGGPHl6L._SY344_BO1,204,203,200_

Come già detto, il film parla degli uomini, delle loro debolezze, delle loro paure e lo fa mettendo in scena il visionario mondo dei niomi. Il film è quindi disseminato di spassosissimi riferimenti alla vita umana, capovolti però nell’ottica dei piccoli omini. Bellissima la nascita dell’Emporio che ricorda la creazione nella Bibbia. Riuscitissimi i vari giochi di parole che danno vita a simpaticissimi siparietti (uno su tutti: la pispola con cui minacciare gli umani). Dietro queste divertenti trovate si cela una, neanche tanto velata, critica alle istituzioni religiose, che addomesticano le menti delle persone anestetizzando il loro pensiero. E non mancano le riflessioni sulle principali debolezze umane: la paura di ciò che non si conosce, l’ignoranza e il pessimo vizio di volersi sempre dividere in fazioni finendo per farsi la guerra.

Il film, pur essendo lungo, scorre via velocemente,anche grazie ai tanti momenti divertenti e al comparto di personaggi. Forse la prima parte è un po’ lenta, ma poi, da quando la scatola nera rivela che l’emporio verrà distrutto, la pellicola riacquisisce vigore e ritmo.
L’unico difetto, dettato solamente da un gusto personale, è la quasi totale mancanza di qualche momento più “drammatico” e commovente. Tutto il film si mantiene su toni leggeri e, nel trattare alcuni temi (come la morte dell’abate) a volte ho avuto l’impressione che si rimanesse un po’ in superficie. E’ forse questo il tassello che manca al film per accomunarlo ad altri capolavori come Wall-e, Toy story 3 o Up.

Non ho visto nessun film dei due registi, ma li conosco per fama e indubbiamente Il piccolo popolo è un’opera che ricalca il loro stile.

Le musiche sono tutte molto belle, scelte con grande cura e mestiere. Arricchiscono ancora di più l’atmosfera fiabesca del film.

Il piccolo popolo dei grandi magazzini è un bel film d’animazione. Curato sotto ogni aspetto e in ogni minimo dettaglio, proprio come i più celebri capolavori Pixar. Davvero divertente, grazie a una serie di simpaticissimi e teneri protagonisti (la nonna e Torrit sono irresistibili). Io avrei aggiunto una piccola parentesi più riflessiva ed emozionate, per racchiudere nel film un ventaglio completo di emozioni. Il divertimento (intelligente e forse più adatto agli adulti che ai piccoli) è comunque garantito! 75/100 (Hermetico)

Clicca qui per altre recensioni dal forum.

Commenti