Cinema (reale) dal 25/06/2015

ted-2-seyfried

Anche in Italia Jurassic World (qui la nostra recensione) sta dominando il botteghino. Da questo week end, con le nuove uscite, sarà ancora così? Probabilmente i pericoli maggiori per il film Universal risiedono in casa. Esce infatti Ted 2 (recensione in anteprima) altro film Universal, per certi versi più divertente del primo capitolo. Gli altri film presentano grandi nomi in fatto di attori che hanno anche un grande seguito di pubblico. Certo, i film forse non sono all’altezza della fama di questi artisti. Parliamo di Ruth & Alex (recensione in anteprima) con protagonisti Diane Keaton e Morgan Freeman; l’action Contagious con Arnold Schwarzenegger; Big Game con Samuel L. Jackson. Chi detronizzerà i dinosauri di Trevorrow?

Le trame sono tratte da filmup.it

Ted 2 (recensione in anteprima)

Seth MacFarlane ritorna come sceneggiatore, regista e voce protagonista di Ted 2, il sequel prodotto da Universal Pictures e Media Rights Capital della irriverente commedia di maggior successo di tutti i tempi. Ancora una volta insieme a Mark Wahlberg e i co-scenggiatori di Ted, Alec Sulkin e Wellesley Wild, MacFarlane produce la commedia al fianco di Scott Stuber della Bluegrass Films e John Jacobs e Jason Clark.

Ruth & Alex (recensione in anteprima)

Il giovane pittore Alex Carver acquista per lui e sua moglie Ruth un appartamento di due stanze un po’ malmesso nella periferia di New York, a Brooklyn. Oggi, dopo 40 anni, il quartiere è diventato di moda e il loro appartamentino vale una piccola fortuna. Ruth (Diane Keaton), ormai insegnante in pensione e Alex (Morgan Freeman) che ancora dipinge, sono sempre innamorati come il primo giorno. Permettono alla nipote di Ruth, l’agente immobiliare Lily (Cynthia Nixon), di mettere in vendita la loro casa per vedere che cosa se ne può ricavare… Affrontando gli imprevisti e un bizzarro gruppo di aspiranti acquirenti, Ruth e Alex iniziano a chiedersi se sia il caso di cambiare drasticamente vita…

maggie

Contagious

Quando una pandemia mortale si diffonde nel paese, arrivando a contagiare anche le piccole città dell’America più profonda, le autorità stabiliscono un ferreo protocollo per i pazienti affetti dal virus: devono esseri allontanati dal contatto con gli altri umani e messi in isolamento in speciali reparti. Su quello che succede dopo ai contagiati, le autorità tacciono. Ma Wade Vogel (Arnold Schwarzenegger) non è pronto a rinunciare a sua figlia Maggie (Abigail Breslin). Dopo settimane alla ricerca della ragazza, fuggita una volta venuta a conoscenza della sua diagnosi, l’uomo la trova e la riporta a casa dalla famiglia, la matrigna Caroline (Joely Richardson) e i suoi due figli. Dopo aver perso la moglie anni prima, Wade è determinato a tenere con sé l’amata figlia il più possibile, rifiutandosi di lasciarla nelle mani della polizia locale presentatasi con l’ordine di prenderla in custodia. Con il progredire della malattia, però, Caroline decide di prendere i suoi due figli e andare via da casa, lasciando Wade da solo a guadare impotente Maggie straziarsi nella sua lenta trasformazione in uno zombie.

Noi siamo Francesco 

Basato su una vera storia, il film parla di Francesco, nato senza arti superiori, e delle difficoltà che durante la sua vita ha dovuto affrontare a causa del suo handicap, compresa quella della sua “prima volta”…

Big Game – caccia al presidente

Il presidente degli Stati Uniti d’America (Samuel L.Jacskson) è vittima di un complotto. Durante una traversata transoceanica l’Air Force One subisce una minaccia di attacco e il presidente è costretto ad abbandonare l’aereo con una capsula di salvataggio. Atterra nella foresta finlandese, ma non è al sicuro. E’ braccato da spietati terroristi che hanno intenzione di rapirlo con l’aiuto di alcuni agenti dei servizi segreti corrotti. L’uomo più potente del mondo troverà un inaspettato alleato in Oskari, un ragazzino finlandese di 13 anni armato soltanto di arco e frecce che sarà la sua più valorosa guardia del corpo.

Escono inoltre: Bota Cafè, Crushed Lives, Going Clear: Scientology e la prigione della fede, Macbeth (1971), Napolislam, Violette

Commenti