Cinema (reale) dal 28/05/2015

Si parla di disastri questa settimana al cinema. Con tutta la forza degli effetti speciali arriva al cinema “San Andreas” che promette adrenalina e tante scene da disaster movie tipicamente vacanziero. Ma questa settimana non solo si parla al cinema, si canta anche con il secondo capitolo di Voices, intitolato con il titolo originale “Pitch Perfect 2” di cui abbiamo la recensione in anteprima. Altri film che si annunciano attesi son il poliglotta “Il fascino indiscreto dell’amore” (qui un approfondimento) e soprattutto “Il libro della vita”, film d’animazione con le immancabili star al doppiaggio. Buon cinema!

Trame tratte da filmup.it

Pitch-Perfect-2-Wallpaper-Art

Pitch Perfect 2 (recensione in anteprima)

Le Barden Bellas sono tornate per schiaffeggiare il mondo a suon di note in Pitch Perfect 2, il sequel di Pitch Perfect, successo globale incentrato sulle vicende di un gruppo di adorabili disadattate con una sola cosa in comune: l’irresistibile armonia che creano quando cantano insieme, mixata e arrangiata come non mai. Sono passati tre anni da quando le Bellas, con le loro voci, il loro stile e il loro atteggiamento, sono diventate il primo gruppo tutto al femminile a vincere le Nazionali. Ma dopo essere state espulse a causa di uno scandalo che minaccia di sabotare il loro ultimo anno a Barden, le tre volte campionesse in carica iniziano a temere di aver perso per sempre la loro armonia. Le Bellas avranno una sola possibilità per riscattare la propria reputazione: dovranno lottare e vincere il Campionato mondiale di A cappella a Copenaghen. E nello sforzo sovraumano di giostrarsi tra le pressioni del mondo della musica e angosce ancora maggiori, sarà il potere della sorellanza a far sì che trovino la loro voce e dimostrino ciò che serve per ottenere un riconoscimento mondiale.

San Andreas

In seguito ad un terremoto di Magnitudo 9, in California, scatenato dal risveglio della famigerata faglia di Sant’Andrea, un pilota di elicotteri (Johnson), specializzato in ricerca e salvataggio, insieme alla ex moglie, intraprenderà un viaggio da Los Angeles a San Francisco, per cercare di trarre in salvo la loro unica figlia. Proprio quando penseranno di essersi lasciati il peggio alle spalle… capiranno che il peggio è solo l’inizio.

Il libro della vita

Il viaggio di Manolo, un giovane uomo che si troverà a dover scegliere tra le aspettative della sua famiglia e seguire il proprio cuore. Prima di scegliere quale strada prendere, intraprenderà un’avventura che coinvolge tre mondi fantastici nei quali dovrà affrontare le proprie paure. Il Libro Della Vita incoraggia a celebrare il passato guardando al futuro.

tokyo_fiancee20

Il fascino indiscreto dell’amore (l’articolo)

Trasposizione cinematografica del romanzo autobiografico “Né di Eva né di Adamo” della scrittrice belga Amélie Nothomb, “Il fascino indiscreto dell’amore” di Stefan Liberski accompagna la giovane protagonista nella sua permanenza nel Paese dei suoi sogni, quel Giappone nel quale è nata per caso e che ha lasciato quando aveva solo cinque anni. Infatti Amélie torna in Giappone piena di entusiasmo e d’illusioni e per mantenersi decide di dare lezioni di francese. Incontra così Rinri, il suo primo e unico studente, un giovane giapponese con il quale crea subito un rapporto molto intimo. La storia d’amore fra due giovani coetanei appartenenti a culture diverse è un confronto diretto fra abitudini, caratteristiche e modi di vivere estremamente lontani. Tra sorprese, momenti felici e le insidie di uno shock culturale che insieme poetico e divertente, Amélie scopre al contempo sé stessa e una parte di Giappone che non aveva mai nemmeno immaginato prima…

Pitza e datteri

La pacifica comunità musulmana di Venezia è stata sfrattata dalla sua moschea da un’avvenente parrucchiera che la trasforma in un salone di bellezza. Viene chiamato in soccorso un giovane e inesperto Imam afghano per riprendersi il loro luogo di culto. Tutti i loro goffi tentativi falliscono comicamente, ma alla fine troveranno un luogo e un aiuto da chi non avrebbero mai pensato. Una divertente storia di integrazione multiculturale in cui spiccano Bepi, un veneziano convertitosi all’Islam (interpretato dal friulano Giuseppe Battiston), il giovanissimo Imam Saladino (Mehdi Meskar, calabrese-magrebino-parigino cresciuto a Treviso), la splendida parrucchiera Zara (la franco-africana Maud Buquet), il “presidente” della comunità Karim (il pakistano Hassani Shapi), la musulmana progressista Fatima (l’italo-africana Esther Elisha) e il curdo Ala (il siciliano Giovanni Martorana). Il tutto è ambientato a Venezia, storico incrocio tra Oriente e Occidente, luogo ideale per questo racconto dei nostri giorni, di scambio culturale e d’integrazione. E tra le torri, come minareti, cupole e preziosi mosaici, echeggiano i suoni multietnici dell’Orchestra di Piazza Vittorio, in una Venezia tutta da scoprire…

escono inoltre: Louisiana (The other side), Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet, The Tribe

2 comments

  1. Sarò sempre il solito snob, ma anche se difficilmente reperibili i migliori dovrebbero essere Louisiana (il quarto italiano a Cannes, Minervini) e Tribe, visto al Festival francese l’anno scorso, un film totalmente muto e interpretato solo con la lingua dei segni.

  2. Per Pitch Perfect 2, non ho visto il primo e credo che non vedrò nemmeno il secondo. Non sono un gran fan di queste storie da “Talent”.
    San Andreas all’inizio pensavo fosse la trasposizione del videogame GTA, data anche la presenza di The Rock (sempre più gonfio); poi ho visto che è un disaster movie, che punta tutto sugli effetti speciali e la solita storia trita e ritrita del padre eroe che cerca di salvare un suo congiunto (insomma una specie di 2012 che vide protagonista John Cusack). Da vedere solo in Dvd o fra un paio d’anni in tv.
    Il fascino indiscreto dell’amore, almeno a vedere il trailer, mi ha ricordato un po “il fantastico mondo di Amelie” (Forse per il nome della protagonista. Il mio lato femminile emergendo mi sta dicendo che lo vorrebbe vedere.
    Pitza e Datteri da vedere per la presenza del mio mito Battiston.

Commenti