Il film del giorno in tv: RAIN MAN

RaiMovie 21.15 – Martedì 21 aprile 2015 – Miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista (Dustin Hoffman), miglior sceneggiatura e innumerevoli altri premi. Questi i numeri convincenti di un film divenuto un grande classico, un enorme successo che viene ricordato a distanza di quasi 30 anni anche dalle nuove generazioni grazie alla strepitosa interpretazione di Hoffman e a una sceneggiatura abilmente costruita.

Dalla nostra recensione:

Charlie, commerciante di auto di lusso ma indebitato fino al collo, scopre che l’eredità paterna è stata assegnata a un fratello di cui non ha mai avuto notizia: ha vent’anni più di lui e vive in una clinica, affetto da autismo. Charlie lo rapisce e cerca di portarlo a casa sua per diventarne il tutore, e in questo modo appropriarsi dei diversi milioni di dollari lasciati dal padre. Durante il viaggio verso Los Angeles, che si protrae per le necessità di Raymond che non vuole prendere né aereo né autostrada, Charlie comincia a conoscere veramente suo fratello, un individuo malato ma dotato anche di un’incredibile memoria e capacità di calcolo. Giunti a Las Vegas, Charlie ha la brillante idea di farlo giocare al tavolo verde ottenendo molte vincite. Piano piano Charlie si affeziona a lui scoprendo anche che lo strano personaggio che gli cantava le canzoncine da bambino, che egli chiamava Rain Man e che pensava fosse frutto della sua fantasia, non era altro che suo fratello, del quale è stato privato per tutti questi anni. Charlie decide di riportare Raymond nella clinica, rinunciando all’eredità paterna e a un assegno da 250.000 dollari offertogli, promettendo di frequentare Raymond appena possibile.

A 26 anni dall’uscita nei cinema di tutto il mondo, quello che è stato un film di grande successo di pubblico e di critica si è trasformato, a ragione, in un film facente parte dei grandi classici del cinema mondiale. Grazie alla precisa (e un po’ ruffiana) sceneggiatura e soprattutto a un’interpretazione di Dustin Hoffman (continua a leggere la recensione)

Rain-Man-Unsung-Films-2

Curiosità (movieplayer e wikipedia)

Rain Heroes – La scena in cui Hiro e Ando scendono le scale mobili nel casinò di Montecito in uno dei primi episodi di Heroes è una citazione di una scena di Rain Man con Tom Cruise eDustin Hoffman.

Censura In Volo – Rain man – l’uomo della pioggia è forse l’unico film ad aver subito una censura specifica ed esclusivamente in volo: la parte in cui Dustin Hoffman spiega come mai solo la Qantas, tra le linee aeree, non abbia mai avuto incidenti, è stata tagliata in tutte le versioni del film destinate ad essere proiettate sugli aerei. Eccetto, ovviamente, su quelli della compagnia aerea australiana Qantas.

Inizialmente si pensava a Bill Murray nelle vesti di Raymond e Dustin Hoffman nelle veci di Charlie Babbitt. Tuttavia, dopo che quest’ultimo optò per interpretare il fratello Raymond dopo aver frequentato un istituto i cui pazienti erano appunto affetti da autismo, la scelta ricadde su un giovane Tom Cruise.

Il regista Barry Levinson compare in un cameo, verso la fine della pellicola, nei panni di un medico fiscale.

Un film di Bollywood del 2008, Yuvvraaj, è liberamente ispirato questo film.

Nel film Una notte da leoni Il personaggio di Alan (Zach Galifianakis) impara a contare le carte da un libro dicendo di essere diventato come Raymond. Più avanti, Alan e il personaggio di Phil (Bradley Cooper), giocano ai tavoli di blackjack nel casinò presso il Caesars Palace, omaggiando chiaramente la pellicola.

Il film fu un grandissimo successo al botteghino. Contro un budget di circa 25 milioni di dollari, la pellicola ne incassò oltre 170 negli Stati Uniti e 350 milioni a livello internazionale

2 comments

Commenti