Russian Roulette (CK)

Russian_Roulette

Russian Roulette
Destiny Productions

(Thriller)

Regia:  Vince Gilligan

Cast: Leonardo DiCaprio, Alec Baldwin, Andrew Lincoln, Giovanni Ribisi,Maria Bello, Paul Bettany, Jason Butler Harner, Nestor Carbonell.

LINK al film

Trama: La città di New York vive nella paura. Da anni i cittadini vengono perseguitati da una banda chiamata ”La banda della maschera bianca”, che si diverte a uccidere le persone con il famoso metodo della Roulette Russa. Il commissario Parker organizzerà uno squadrone di polizia per porre fine a tutto questo e ai misteriosi segreti che circondano la banda.

Recensione di Hermes
Russian Roulette è la terza prova di Destiny (la seconda scritta completamente di suo pugno), e se è pur vero che l’autore non ha ancora raggiunta la sua maturità, ci sono comunque degli evidenti passi vanti rispetto al suo primo film.
La trama è quella tipica di un poliziesco: c’è una banda di squilibrati con delle maschere che uccide giocando alla roulette russa e una squadra di poliziotti si mette sulle tracce di questi criminali per fermarli una volta per tutte.
Come dicevo, trama semplice, non molto originale ma tutto sommato efficace. I criminali con le loro maschere sono piuttosto inquietanti e regalano sicuramente le scene migliori del film. Tutte quelle con la roulette russa sono molto ben descritte e cariche di tensione, ma a me è piaciuta molto anche quella in cui Gerald viene scoperto. Efficacissima e brutale.
Quindi Destiny dimostra di saper costruire a dovere le scene più importanti del film, in quanto a tensione emotiva. E su alcune ingenuità e scelte poco realistiche io ci passerei sopra perché rovinano la pellicola nella sua totalità. Ad esempio il colpo di scena riguardante Paul a me è piaciuto molto e mi ha sorpreso. E’ vero, è un po’ strano che se ne stesse zitto ma magari aveva il nastro isolante in bocca e tutto sommato la scena ci sta (anche perché dopo qualche colpo le sue mani iniziano a tremare ed è un comportamento che il capo non avrebbe avuto mai).
Il vero problema del film è lo spessore della vicenda nel suo insieme e quindi la cura dei personaggi, privato di un qualsiasi tipo di background (tranne appunto Miles). Non ci si poteva concentrare su tutti ma almeno Jason necessitava di maggior approfondimento. Così sembra uno dei tanti e della sua sorte ci importa poco.
Anche al banda l’avrei caratterizzata meglio. Magari sottolineando, con qualche altra scena, la loro totale follia, il fatto che uccidano per puro divertimento prendendosela anche con persone innocenti all’oscuro di tutto.
Paradossalmente il personaggio più curato è proprio quello di Miles. All’inizio al sua vicenda è molto distaccata dal plot principale e questo mi ha fatto pensare che ci fosse lui dietro alla banda (perché tanta attenzione a un personaggio secondario?). Poi però la famosa scena con la voce dei suoi pensieri fuori campo mi ha fatto cambiare idea e ho pensato che la sua fosse una semplice trama secondaria. Il finale però rivela tutt’altro e questo è sicuramente l’errore più grande del film perché alla fine il personaggio di Miles si rivela un grande bluff, del tutto inverosimile e privo di logica. Togliere quella scena avrebbe sicuramente migliorato le cose, ma il personaggio di Miles andava riscritto sottolineando efficacemente la sua personalità schizofrenica.
Destiny però non si deve abbattere, perché ha dalla sua una grande fantasia e idee in continuazione (e poi è solo il suo secondo film). Il consiglio è quello di dedicare maggior attenzione ai personaggi, non tutti, anche solo il protagonista e l’antagonista. Dar loro un minimo di background e il film acquisterà sicuramente maggior spessore. Oppure provare con una trasposizione, magari proprio di un fumetto.
La regia di Gilligan per sembra una scelta azzeccata, visto il tenore della pellicola, le sue atmosfere e tematiche. Anche il cast è ben amalgamato, con nomi di media grandezza e molte star proveniente dalle serie tv. Probabilmente è proprio Di Caprio quello più fuori posto. E’ un attore troppo importante per interpretare un ruolo così poco sfaccettato.
Molto bella la locandina. Sito semplice ma efficace.
Russian Roulette è un poliziesco dall’impianto decisamente classico, che però regala momenti di tensione molto ben costruiti ed efficaci. Ingenuità a parte, il problema risiede nel poco spessore dei protagonisti e nel grosso errore riguardo il personaggio di Miles. La stoffa però c’è, il gusto anche, e quindi con un po’ di pazienza (anche leggendo altri film) e magari affidandosi a soggetti più solidi tratti da fumetti o libri, Destiny saprà sicuramente trovare la sua strada.

Voto: 60/100

Altre recensioni e commenti sul Forum di Cinematik

Commenti